L’inventore del parafulmini Benjamin Franklin, ma anche scrittore e politico del Settecento, osserva nell’aforisma un concetto fondamentale: l’esperienza e il coinvolgimento sono i fattori principali per apprendere e per fare nostra un’esperienza, sia praticamente che cognitivamente.

L’autore vede tre diversi gradi dell’insegnamento, ordinati secondo un’importanza crescente:

  • “dimmi e io dimentico”: è il metodo “scolastico” dell’insegnamento, dove i concetti sono riferiti ad altri affinchè siano imparati. Il rischio è quello di inglobare nozioni destinate ad essere presenti nella nostra mente per breve tempo per poi essere dimenticate;
  • “mostrami e io ricordo”: mostrare le cose, farle vedere, fornire un modello dato dallo stesso maestro incide sul discepolo, che grazie ad un apprendimento tramite un modello esperenziale, ricorderà il messaggio ricevuto. Gli esperimenti di Albert Bandura sull’apprendimento sociale ne sono un importante esempio;
  • “coinvolgimi e io imparo”: qui si pone l’accento sulla parte fondamentale dell’esperienza: il coinvolgimento. Ecco che dunque l’esperienza deve avere non solo un valore pratico, ma anche un valore emotivo.

Ogni esperienza ha una caratteristica emotiva: è ciò che ci permette di ricordare e porre in memoria eventi piacevoli o meno per poterle in futuro riprodurre o evitare.

Dare la possibilità di essere coinvolti, di percepire l’esperienza dando valore alla parte affettiva, permette di favorire un insegnamento e un apprendimento, molto più duraturi e significativi. Ecco perchè è importante “fare” insieme, utilizzando il gioco e situazioni piacevoli, anche in interventi psicologici, come l’intervento Psicomotorio e PsicoEducativo: situazioni ed esperienze piacevoli favoriscono l’apprendimento.

Perché si apprende di più quando si è felici

A proposito di esperienze piacevoli, recentemente un esperimento di un team internazionale di ricercatori ha confermato il ruolo nell’apprendimento della serotonina, l’ormone della felicità, che sembra far aumentare la velocità di apprendimento.

In particolare, l’esperimento è stato condotto su topi e ha rilevato che il tasso di apprendimento, ossia la velocità con cui i topi imparavano le nuove informazioni, è stato modulato dalla stimolazione di questa sostanza, la serotonina. La capacità di apprendere il modo per ottenere il premio proposto ai topi era infatti significativamente più veloce quando veniva stimolato il rilascio del neurotrasmettitore. Pertanto, secondo gli esperti, l’aumento della serotonina sarebbe in grado di accelerare l’apprendimento.

Si apprende meglio, quindi, quando si è felici!

La triade dell’insegnamento di Franklin ad oggi quindi acquista maggior valore e ovviamente non riguarda solo gli insegnanti, ma i diversi professionisti, gli educatori, i genitori e ognuno di noi nei contatti e confronti con gli altri. Ecco perchè quando vengono proposti degli insegnamenti o delle esperienze per il benessere della persona – come in Psicomotricità, è importante muoversi da ciò che attrae la persona, da ciò che la rende felice.

Si impara, si connette meglio e si immagazzina l’informazione in modo molto piò efficace quando siamo ben disposti, “felici”.

..Un motivo in più per essere felici!